Chanzonelles. 16

Colui che parla è tale a sé medesimo di sé. My voice che insegui la volpe come un masnada di cani famelici sulle tracce della volpe, parola mia che muovi dietro all’odore di tana con le orecchie lunghe di segugio, mio pensiero che traduci il desiderio di raccontare una storia che sia una storia, rallenta, go slow, accosta il tuo respiro all’azione dei corpi stanchi di correre.

 

 

 

 

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s